Dicotomenica#3 -Il velo di Maya

Una delle opere di John Bramblitt, pittore cieco.

Sì, cieco.
L’ignoranza di chi vi scrive non permette di riportarvi se quest’artista sia cieco dalla nascita o se lo sia diventato dopo.
Comunque sia questo quadro, come tutti gli altri, è stato impresso ad occhi chiusi sulla muta tela.
La Dicotomenica questa volta propone una dicotomia semplice:
VEDERE o IMMAGINARE?
Pensiamo alla sociologia dell’immagine che delle due cose si nutre forse comunque troppo a discapito dell’immaginazione.
Pensiamo alla sessualita, a luci accese o a luci spente?
All’idealismo di cui ognuno di noi si nutre giorno per giorno nelle sue ambizioni, progetti, a volte visibili nella continua costruzione concreta o altresì sfumati in desideri poco contornati e chiari ma comunque forti e così presenti da lasciar perdere il loro aspetto.
E noi? Vediamo chi siamo o lo immaginiamo ”soltanto”?
L’autoconsapevolezza piena e reale è un percorso faticoso e doloroso poichè non tutto ciò che è nostro appartiene propriamente a noi.
Perchè ci siamo noi, ma anche gli altri. E viceversa (vedi “Johari Window”).

Tralasciando la pesantezza di questi discorsi, questa Dicotomenica vuole valorizzare la visione degli occhi e quella della mente quali aspetti a loro modo incommensurabili, i quali, dunque, non devono essere oggetto di scelta assassina dell’una o dell’altra opzione.
Tra l’immaginare e il vedere, c’è la scoperta.
Abbiamo immaginato e cercando quell’immaginazione, spesso abbiamo visto. Persino il più triste Arturo Schopenhauer nella sua assuefazione narcotica all’esistenza, riuscì a teorizzare qualcosa di positivo: il velo di Maya, il cui fluire via dalla dolce pelle della vita permette di raggiungere la ”liberazione spirituale” (moksha).
Detto ciò, lasciamoci ogni possibilità di immaginare e di vedere, ancora e ancora; la possibilità epistemologica di un realismo critico e verificazionista, la possibilità di VEDERE CIO CHE E’ e CIO CHE NON E’ per continuare a cercare e per godere del poco e del troppo Ecc.

Cruz

Che ne pensi di questo articolo?

Autori Freelance

Autori Freelance

Psychondesk freelance è la sezione del nostro blog che raccoglie tutti gli articoli scritti dai collaboratori di psychondesk. Come satelliti che orbitano attorno ad un nucleo principale, I freelance sono autori che contribuiscono saltuariamente ad arricchire il blog con contenuti inediti