La resilienza: Batman VS Superman

Che cos’è la resilienza? E cosa hanno a che fare due supereroi con la psicologia? Ognuno di noi può contare su diverse qualità che permettono di affrontare in modo positivo le avversità: esserne consapevoli può aiutare a cogliere, anche nei momenti difficili, delle occasioni di potenziale crescita per se stessi, e a capire come migliorare quegli aspetti in cui ci si sente più carenti.

 

La resilienza è un termine che deriva dalla fisica e indica la capacità di alcuni materiali di resistere senza spezzarsi a seguito di urti improvvisi. La psicologia ha preso in prestito questo concetto per descrivere la capacità di saper andare oltre le avversità, di superare gli eventi critici in modo positivo, non solo resistendo, ma ricostruendo il proprio percorso di vita, progettando il proprio futuro e trasformando le difficoltà in occasioni di apprendimento e di crescita.

 

Ognuno possiede questa capacità, ma in modo oscillante nel corso della propria vita: ci sono momenti in cui si è più forti e altri in cui si è più fragili. Questo andamento dipende da molti fattori: l’entità e l’intensità della difficoltà, il momento di vita in cui ci si trova, le risorse personali che si possiedono in quel momento, le relazioni supportive su cui si può contare.

 

La resilienza 2

 

Anche se la persona resiliente in termini assoluti non esiste, in quanto non si può essere sempre e comunque resilienti, si possono individuare delle caratteristiche che favoriscono questo atteggiamento positivo di fronte a una particolare difficoltà.

 

Alcune di queste caratteristiche sono:

 

  • l’avere una buona consapevolezza di sé, conoscendo sia i propri punti di forza che quelli di debolezza;
  • il saper prendere il meglio dalle situazioni, non vedendole solo come negative, anche quando sono difficoltose;
  • l’essere flessibili, ma perseveranti, nel raggiungimento dei propri obiettivi;
  • il saper affrontare la vita con umorismo, che non implica minimizzare le difficoltà, ma alleggerirle e sdrammatizzarle;
  • l’accettare l’incertezza insita in ogni cambiamento;
  • il sapersi circondare di persone positive che possano fungere da rete di supporto nei momenti più difficili.

 

Queste caratteristiche derivano in parte dal temperamento di ognuno, ma possono anche essere potenziate attraverso l’esercizio e l’allenamento: si è visto, infatti, che grazie alla pratica si può riuscire ad affrontare in modo più efficace gli eventi critici e le difficoltà della vita.

 

La resilienza 3

 

La persona resiliente, in ogni caso, non è invincibile e invulnerabile, immune alle sofferenze. Nonostante le qualità che una persona resiliente può possedere, e che le permettono di superare in modo positivo le difficoltà, non bisogna pensare a queste persone come intoccabili o inaccessibili alle emozioni e ai sentimenti.

 

Per rendere meglio l’idea: chi tra Batman e Superman potrebbe più avvicinarsi a rappresentare una persona resiliente? Chi tra i due supereroi può contare solo sulle proprie qualità, senza nessun superpotere, per andare oltre le avversità? Quello è Batman: egli, infatti, al contrario di Superman, non ha alcun potere speciale, ma attraverso le proprie qualità riesce ad andare oltre le difficoltà, superando gli ostacoli che gli si parano davanti.

 

È importante, quindi, che ognuno acquisisca una maggior consapevolezza riguardo alle qualità su cui può contare, cercando di coltivarle, potenziando quegli aspetti che possono essere più carenti e che, invece, potrebbero rivelarsi utili nell’affrontare le avversità. Le relazioni di sostegno che instauriamo rappresenteranno, inoltre, una grande risorsa per tutta la vita.

 

Dott.ssa Anna Galtarossa

 

Bibliografía:

  • Putton, A., & Fortugno, M. (2012). Affrontare la vita: che cos’ è la resilienza e come svilupparla. Carocci Faber.
  • Malaguti, E., & Cyrulnik, B. (2005). Costruire la resilienza. La riorganizzazione positiva della vita e la creazione di legami significativi. Edizioni Erickson.

Che ne pensi di questo articolo?

Anna Galtarossa

Anna Galtarossa

Psicologa clinica e psicoterapeuta sistemica in formazione. Alla continua ricerca di novità, di occasioni di condivisione e di confronto. Motivata dalla passione per la propria professione, dalla voglia di mettersi in gioco, dalla curiosità e dall’entusiasmo. Le passioni sono tante: lettura, scrittura, fotografia, viaggi, sport e non ultima quella per gli animali.