Look At Me: Samsung al servizio dell’Autismo

Salve cari lettori, oggi vorrei parlarvi di un’applicazione sviluppata per migliorare le capacità sociali di persone affette da autismo: Look At Me.

L’autismo è una particolare condizione che trova le sue radici nei primi tre anni di età. Per diagnosticare tale disturbo il DSM IV TR elenca i seguenti sintomi:

1. compromissione qualitativa dell’interazione sociale
2. compromissione qualitativa della comunicazione verbale e non verbale
3. modalità di comportamento, interessi e attività ristretti, ripetitivi e stereotipati

Due dei criteri hanno a che fare con la sfera comunicativa, e di conseguenza quella sociale. È come se questi bambini venissero costantemente bombardati da stimoli impossibili da processare, il mondo è troppo difficile per loro. Come meccanismo di difesa quindi, cercano di diminuire le stimolazioni ritirandosi in se stessi, nel loro mondo fatto da routine inviolabili e comportamenti ripetitivi. Al tal proposito, prodotto per l’” Hacking Health Vancouver 2013 Hackathon”, un’interfaccia virtuale che si avvicina alla percezione del mondo vista dagli occhi di un bambino affetto da disturbo dello spettro autistico.

Di seguito, un video che ne dimostra il funzionamento:

Tornando a noi, Samsung ha avviato una partnership collaborativa con Seoul National University e Yonsei University che ha portato allo sviluppo dell’applicazione Look At Me. Attraverso un design molto semplice e colorato, il bambino avrà la possibilità iniziale di sceglie tra tre mondi: Dinosaur Era, Space Discovery e Robot World. L’intero percorso educativo sarà accompagnato da simpatici amici che guideranno il bambino nella scoperta delle espressioni facciali e al loro significato. Tali saranno sia puramente virtuali e sia, attraverso la fotocamera posta sugli smartphone Samsung, reali. Quest’ultime potranno essere proprie o dei loro accompagnatori. Ogni qual volta completerà una missione verrà ricompensato con punti (o token) che saranno sommati ai precedenti conquistati.
I risultati pubblicati sui siti ufficiali promettono che questa applicazione migliora la capacita dei lettura delle espressioni facciali e le interazioni caregiver-bambino.Vi terremmo aggiornati su future novità.

P.S. Se possedete un dispositivo Samsung, relativamente recente, provatela e diteci cosa ne pensate. Saremo ben lieti di discuterne con voi.

Antonello Luisi

Che ne pensi di questo articolo?

Antonello Luisi

Un Perito Meccatronico laureato in Scienze e Tecniche Psicologiche. Perennemente distribuito lungo un continuum che va da sistemi operativi a carta stampata, da armonia musicale a modem di 56k, da Alan Turing a Bear Grylls, insomma: un "tecnico" amante della "teoria".