Report Criminalmente…criminale – S02 P03

L’argomento della terza puntata di CriminalMente…criminale ha riguardato i metodi di indagine in criminologia ed è stato scelto perché in Italia il suo insegnamento è pressoché inesistente,mentre una maggiore attenzione alla metodologia sarebbe di grande aiuto vista la difficoltà dei fenomeni oggetto di studio.

I metodi d’indagine che vengono utilizzati sono fondamentalmente di tre tipi:

  • Un metodo individuale, di chiara matrice psicologica forense. In questo caso il professionista si affiderà alle indagini tipiche della psicologia come colloqui clinici, osservazione, test (M.M.P.I., test di Rorschach, ecc.);
  • Un metodo storico, che si basa sul cambiamento della natura dei reati nel tempo;
  • Un metodo statistico che applica le statistiche esistenti per spiegare la condotta criminale.

In questa puntata è stato deciso di approfondire il metodo individuale che ha come scopo principale quello di formulare una diagnosi, ovvero una forma di conoscenza che rimanda sempre a un modello teorico di riferimento. Di solito è il DSM (Diagnostic and Statistical Manual of MentalDisorders) poiché utilizza un linguaggio condiviso anche se non è esente da critiche.

La diagnosi serve per arrivare a formulare delle conclusioni sul soggetto cercando di evitare l’uso di etichette o di pregiudizi. Per arrivare a ciò il clinico forense ha un numero limitato di colloqui, (3/4) durante i quali deve ripercorrere la vita del soggetto, e ha a disposizione la documentazione giuridica e clinica pregressa del soggetto che deve sempre tenere in considerazione e che fa da sfondo alla valutazione.

Il primo problema che si presenta per il criminologo è il tempo, infatti il giudice gli concede 60/90 giorni per concludere il percorso e presentare una relazione scritta.

Non ci sono solo colloqui, il clinico forense ha anche la possibilità di somministrare dei test, anche se non sempre è semplice sia per problemi relativi al tempo che al tipo di setting. Si utilizzano comunque solo test validi e attendibili e in particolare vengono somministrati l’MMPI, il Rorschach e la Wais. I primi due sono test di personalità, il terzo è un test intellettivo.

Alla fine di questa prima parte della puntata sono stati descritti gli utilizzi, i vantaggi e gli svantaggi di questi tre test, senza entrare nello specifico della loro modalità di somministrazione in quanto è stato deciso di lasciare questo compito a professionisti più qualificati.

In questa puntata sono andate in onda tre hit del 1995: Country House dei Blur, Thisis Music dei The Verve e MansizeRooster dei Supergrass.

Fatti della settimana

C’è stata una svolta nelle indagini relative all’omicidio con decapitazione avvenuto nei boschi di Lucerno (Chiavari): l’arresto del nipote di Albano Crocco, che sarebbe stato intercettato telefonicamente e che avrebbe pronunciato la frase: “tanto l’ho ammazzato”. Gli inquirenti sono riusciti a ricostruire il percorso fatto dall’assassino, e sembrerebbero mancare davvero pochi tasselli per la ricostruzione integrale di come si sono svolti realmente i fatti. Claudio Borgarelli, nipote di Crocco, continua, però, a dichiararsi innocente.

La seconda notizia riguarda l’arresto di un uomo di 57 anni di Tivoli, collaboratore scolastico di una scuola romana, con l’accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di alcune bambine di 4 anni. Erano state proprio le bambine a lamentarsi per i palpeggiamenti dell’uomo, e le famiglie si erano dunque rivolte alla sezione della Squadra Mobile specializzata in crimini sessuali. Due giorni fa, attraverso il sistema di audio video, è stato possibile sorprendere l’uomo nel momento in cui abusava di una bambina.

Agenda settimanale

Giovedì 3 novembre, a partire dalle ore 15:00, si terrà un evento molto importante al Museo Criminologico a Roma dal titolo “Pensa prima di condividere”. Questo evento è stato organizzato dal Ministero della Giustizia in collaborazione con Facebook per la sicurezza online. Vedrà la partecipazione del ministro della giustizia Orlando, di Francesco Cascini, Isabella Mastropasqua, Luca Pisano, e infine di Laura Bonacini, responsabile relazioni istituzionali di Facebook Italia.

Allegati:

Link alla puntata:

Che ne pensi di questo articolo?

Potrebbero anche interessarti:

Criminalmente

Da un’idea di Roberto Molino e Francesca Guidi nasce CriminalMente, il podcast italiano che parla di Criminologia Clinica e Psicologia Forense. Con sede a Torino, CriminalMente si pone l’obiettivo di informare gli appassionati di criminologia e psicologia attraverso la teoria criminologica e forense e i racconti dei più famosi killer, ladri, delinquenti e criminali italiani e mondiali.