Report Criminalmente…criminale – S02 P04

La quarta puntata di CriminalMente…criminale è dedicata alla vittimizzazione, quindi si parla della vittima, della persona offesa dal reato, di quella figura che per molto tempo è rimasta nascosta perché giuristi e altri professionisti preferivano concentrarsi sull’autore del reato.

È stata fornita una classificazione delle vittime che naturalmente non vuole essere completa di tutte le tipologie possibili, ma che può risultare molto utile per avere un’idea generale.

Ci sono le vittime passive, ovvero quelle che non hanno nessun ruolo nella criminogenesi, che si possono distinguere ulteriormente in:

  • Vittime accidentali;
  • Vittima preferenziale;
  • Vittime simboliche;
  • Vittime trasversali.

Ma ci sono anche le vittime attive, che si possono distinguere in:

  • Vittime per la loro specifica professione;
  • Vittima che aggredisce;
  • Vittima provocatrice;
  • Vittima inconsciamente provocatrice;
  • Vittima favorente.

Dopo aver fornito questa classificazione si è passati a definire la vittimologia, un ramo della psicologia e della criminologia che studia la sfera bio-psico-sociale della vittima, il suo rapporto con l’aggressore, il contesto nel quale si è compiuto l’atto e anche le conseguenze fisiche, psicologiche, sociali che deve subire la vittima. Una branca della vittimologia è la vittimizzazione, che si divide in vittimizzazione primaria e vittimizzazione secondaria. Quest’ultimo termine viene utilizzato per considerare l’ulteriore senso di sofferenza sperimentato delle vittime a causa delle istituzioni.

Le vittime hanno delle esigenze che dovrebbero essere ascoltate, e, in quanto tali, andrebbe riservato loro un trattamento differente anche in ambito giuridico, facendogli assumere un ruolo significativo all’interno del procedimento.

Proprio partendo da queste considerazioni, nel 2012 l’Unione Europea ha formulato una direttiva per la tutela delle vittime di reato.Con questa direttiva tutti gli stati che aderiscono all’Unione Europea erano obbligati, entro il 16 novembre del 2015, a rispettarne i termini.

Le canzoni di questa settimana sono tratte da tre album che hanno raggiunto la vetta delle classifiche inglesi nel 1996: Beautiful Onesdei Suede, Govinda di Kula Shaker e infine Don’t Look Back In Anger degli Oasis.

Fatti della settimana

Questa settimana si è conclusa la vicenda relativa all’omicidio di Albano Crocco. Il nipote, che finora era stato ritenuto il principale sospettato, ha confessato l’omicidio. Le intercettazioni ambientali fuori dalla sua abitazione non lasciavano comunque scampo a Claudio Borgarelli che si sarebbe lasciato andare con riflessioni ad alta voce che prevedevano anche intenzioni omicide nei confronti di un collega infermiere. Proprio queste intenzioni avrebbero messo il gip nella condizione di ufficializzare l’arresto di Borgarelli che poco dopo avrebbe confessato l’omicidio.

Ha vinto la battaglia giudiziaria con Facebook, la madre di Tiziana Cantone, la ragazza morta suicida dopo la pubblicazione di alcuni suoi video di natura sessuale. Tuttavia i legali non si fermeranno qui e hanno deciso di preparare un reclamo al Garante della Privacy con l’obiettivo di ottenere la rimozione dei video da oltre 100 siti web. Il reclamo sarà presentato la settimana prossima.

Infine, nell’ambito di una maxi operazione contro la ‘Ndrangheta, sono stati arrestati in diverse regioni italiane 41 persone affiliate alle cosche Ferrentino – Chindamo e Lamari di Laureana di Borrello. L’accusa è concorso esterno in associazione mafiosa con reati che vanno dalla frode sportiva al traffico di sostanze stupefacenti.

Link alla puntata

Che ne pensi di questo articolo?

Potrebbero anche interessarti:

Criminalmente

Da un’idea di Roberto Molino e Francesca Guidi nasce CriminalMente, il podcast italiano che parla di Criminologia Clinica e Psicologia Forense. Con sede a Torino, CriminalMente si pone l’obiettivo di informare gli appassionati di criminologia e psicologia attraverso la teoria criminologica e forense e i racconti dei più famosi killer, ladri, delinquenti e criminali italiani e mondiali.